IL BASSO MEDIOEVO

Mappa concettuale sul BASSO MEDIOEVO.

Il Basso (o tardo) Medioevo è il periodo compreso dall'anno 1000 (le Crociate) al 1492 (scoperta dell'America).



ALTO MEDIOEVO

STALIN

Mappa concettuale sullo STALINISMO E STALIN. Il totalitarismo del potere staliniano che condizionò un intero popolo dal 1927 al 1954.

I punti principali dello stalinismo possono essere sintetizzati:

- la lotta tra Stalin e Trockij per il potere;
- la soppressione della NEP, voluta da Lenin;
- l'industrializzazione forzata a scapito dell'agricoltura;
- la repressione dei contadini e la loro uccisione e/o deportazione nei campi di lavoro forzati in Siberia;
- la distruzione di ogni simbolo religioso e la sostituzione con l'immagine di Stalin
- i Gulag (campi di lavoro in Siberia), che servivano per epurare il partito comunista dai traditori o sospettati cospiratori;
- lo stakanovismo.

LA GLOBALIZZAZIONE

Mappa concettuale sulla GLOBALIZZAZIONE (argomento di studio di Geografia III media)

STAMPARE LA MAPPA: 1) Clicca sulla mappa (in modo che si ingrandisca); 2) clicca col tasto destro del mouse; 3) Salva immagine con Nome


La globalizzazione ha apportato sicuramente dei vantaggi come una veloce e migliore comunicazione tra i popoli prima più "lontani" fra loro, di conseguenza un più alto livello di coscienza e consapevolezza di ciò che succede nelle diverse parti del mondo.
La globalizzazione porta però con sè dei nodi critici, dei limiti:
- le multinazionali che tendono a concentrare e gestire il potere e le ricchezze solo in alcune zone del pianeta, ampliando il divario tra chi è più ricco e chi è più povero.
- il pericolo dell'omologazione sotto il condizionamento dei mass-media, controllati sempre dalle multinazionali. Annullando le differenze di pensiero, comportamenti e stili di vita c'è il rischio di rendere "uguali" le persone dei diversi continenti. Potrebbero così sparire culture, tradizioni e le identità dei popoli.
- la diversità che se non compresa (e poi accettata) rischia di dividere e non avvicinare i popoli. Le differenze dovrebbero essere viste come una ricchezza, un elemento di crescita umana.