IL BASSO MEDIOEVO

Mappa concettuale sul BASSO MEDIOEVO.

Il Basso (o tardo) Medioevo è il periodo compreso dall'anno 1000 (le Crociate) al 1492 (scoperta dell'America).
Il Basso Medioevo fu caratterizzato dalla nascita dei primi Comuni, dalla rinascita culturale ed economica, dalla costruzione dei castelli come fortezza e abitazione dei feudatari e dai monasteri e abbazie.



http://www.mappe-scuola.com/2012/05/medioevo-lo-sviluppo-agricolo.html




http://www.mappe-scuola.com/2017/12/il-castello-medioevale.html
 

http://www.mappe-scuola.com/2014/01/alto-medioevo.html



STALIN

Mappa concettuale sullo STALINISMO E STALIN. Il totalitarismo del potere staliniano che condizionò un intero popolo dal 1927 al 1954.

I punti principali dello stalinismo possono essere sintetizzati:

- la lotta tra Stalin e Trockij per il potere;
- la soppressione della NEP, voluta da Lenin;
- l'industrializzazione forzata a scapito dell'agricoltura;
- la repressione dei contadini e la loro uccisione e/o deportazione nei campi di lavoro forzati in Siberia;
- la distruzione di ogni simbolo religioso e la sostituzione con l'immagine di Stalin
- i Gulag (campi di lavoro in Siberia), che servivano per epurare il partito comunista dai traditori o sospettati cospiratori;
- lo stakanovismo.

LA GLOBALIZZAZIONE

Mappa concettuale sulla GLOBALIZZAZIONE (argomento di studio di Geografia III media)

STAMPARE LA MAPPA: 1) Clicca sulla mappa (in modo che si ingrandisca); 2) clicca col tasto destro del mouse; 3) Salva immagine con Nome


La globalizzazione ha apportato sicuramente dei vantaggi come una veloce e migliore comunicazione tra i popoli prima più "lontani" fra loro, di conseguenza un più alto livello di coscienza e consapevolezza di ciò che succede nelle diverse parti del mondo.
La globalizzazione porta però con sè dei nodi critici, dei limiti:
- le multinazionali che tendono a concentrare e gestire il potere e le ricchezze solo in alcune zone del pianeta, ampliando il divario tra chi è più ricco e chi è più povero.
- il pericolo dell'omologazione sotto il condizionamento dei mass-media, controllati sempre dalle multinazionali. Annullando le differenze di pensiero, comportamenti e stili di vita c'è il rischio di rendere "uguali" le persone dei diversi continenti. Potrebbero così sparire culture, tradizioni e le identità dei popoli.
- la diversità che se non compresa (e poi accettata) rischia di dividere e non avvicinare i popoli. Le differenze dovrebbero essere viste come una ricchezza, un elemento di crescita umana.